17/12/2008 - Il 18 dicembre a Mercato S. Severino si celebra la prima edizione del Premio CITTA' APERTA organizzato dal Centro Studi "Pascal D'Angelo"

Giornata di festa con le scuole della Provincia di Salerno il 18 dicembre a Mercato S. Severino, alle ore 10,30 presso il Palazzo Vanvitelliano. Il Centro Studi per l’emigrazione “Pascal D’Angelo” diretto da Antonio Corbisiero celebra la prima edizione del Premio “Città Aperta”, nato con l’esigenza di favorire la conoscenza del nostro passato e interpretare i nuovi fenomeni dell’integrazione e dell’accoglienza.
Il concorso avente per oggetto le tematiche dell’emigrazione e immigrazione vede la partecipazione come enti patrocinatori il Comune di Mercato S. Severino, la Provincia di Salerno e l’ EDIAT, associazione teatrale di Boston diretta dall’attrice e docente Luisa Marino, giunta appositamente dagli Stati Uniti per assegnare i primi due premi in danaro. Alla manifestazione sarà presente anche il sindaco di Cava dei Tirreni, Luigi Gravagnuolo, che riceverà un riconoscimento dal Centro Studi “Pascal D’Angelo” per aver valorizzato la figura e l’opera di Eduardo Migliaccio, re della macchietta coloniale nell’America dei primi decenni del Novecento, nato nella città metelliana. Saranno presenti il vicesindaco di Mercato S. Severino, Giovanni Romano, i docenti Francesco D’Episcopo e Lucio Nastri, membri della giuria; numerose personalità della cultura e della società civile. I protagonisti saranno i giovani finalisti che parteciperanno alla cerimonia di premiazione con docenti, dirigenti scolastici e studenti. La proclamazione dei vincitori si terrà nella mattinata stessa. Sono risultati finalisti Luana Paolantonio del Liceo “G. B. Piranesi” di Trentinara, Oriana Trotta del Liceo Scientifico “Parmenide” di Roccadaspide, Marco Tufano del Liceo Classico “T. Lucrezio Caro” di Sarno, Veronica Forte e Borsuc Alin dell’I.T.C. “A: Genovesi” di Salerno. L’attore Gaetano Stella con alcuni elementi della sua compagnia interpreterà i brani che si aggiudicheranno i primi premi. Targhe e riconoscimenti sono previsti per altre scuole della provincia.





28/11/2008 - Il libro di Vittorio Bruno GLI ITALIANI NEL MONDO recensito dal giornale online www.campaniareport.it

Arte e Cultura

"Contro la mostruosa tecnologia che sta rovinando il mondo"
LIBRO DELLA SETTIMANA: Gli italiani nel mondo di Vittorio Bruno 


L’autore salernitano ci richiama al sommo valore del dovere
Il personaggio chiave del romanzo (Edizioni Il Grappolo), Nicola, è un emigrante di origini italiane residente da decenni negli Stati Uniti, dove ha potuto dedicarsi anima e corpo agli studi scientifici. Nicola viene selezionato dall’associazione "Italiani nel mondo" per tenere una conferenza presso la Mostra d’Oltremare di Napoli. Il ritorno in patria si rivelerà un’esperienza illuminante sia materialmente che spiritualmente: le estasianti emozioni suscitate dagli incantevoli paesaggi del natio Cilento e i discorsi rivelatori dei napoletani Geppi e Donatella saranno le coordinate di base della sua orazione in fieri, vero e proprio manifesto di una nuova e utopica visione della vita denominata fisioumanesimo, capace di far camminare a braccetto religione e scienza "contro la mostruosa tecnologia che sta rovinando il mondo", stimolando la dialettica tra ragione e sapere.
Ma affinchè la dottrina fisioumanistica possa intravedere un germe di realizzazione pratica e inaugurare una nuova era di pace e giustizia per tutti, s’impone l’urgenza di rispettare ed esplorare con razionalità, attenzione e umiltà il grande libro della Natura che Dio ha donato agli uomini prima ancora della Bibbia, in modo che tutti i popoli della terra possano muoversi unidirezionalmente e all’unisono, pur nel rispetto delle loro intrinseche e innate differenze genetiche, culturali, sociali e culturali.
In una società tesa soltanto al guadagno, all’apparenza, all’effimero, che rischia la putrefazione morale e fa "intravedere all’uomo tecnologico il destino dei vermi che si intossicano nella farina con le loro proprie tossine", dove ogni radicale e innovativo cambiamento deve propedeuticamente coinvolgere i poteri economico, religioso e politico, l’autore salernitano Vittorio Bruno ci richiama al sommo valore del dovere: "Chi lo adempie non si sente solo in pace con se stesso, ma anche più agguerrito di fronte ai dolori, ai rovesci, alle ingiustizie della vita. Il dovere non tollera eccezioni e stravaganze… Scende in campo e non abbandona l’arena finchè la lotta non si conclude. Non importa se a tuo vantaggio o a tuo sfavore. Ciò che conta è come ti sei battuto. Fino a che punto, cioè, hai fatto il tuo dovere. Sarà per il dovere di tanti che l’umanità potrà andare avanti".

(Luigi Ciamburro)




29/10/2008 - Il 6 novembre a Napoli presso la libreria EDICOLE' si presenta UN RAGAZZO PERBENE di Luigi Landi

Il 6 novembre a Napoli, alle ore 17,30 presso la libreria Edicolè di Piazza Municipio si presenta il romanzo di Luigi Landi, UN RAGAZZO PERBENE.
Intervengono Antonio Corbisiero, Francesco D’Episcopo. Sarà presente l’autore.





14/11/2008 - Sabato 22 novembre a Piaggine (SA) si presenta il libro di Vittorio Bruno, GLI ITALIANI NEL MONDO.

La casa editrice “Il Grappolo” S.a.s. e l’Associazione “Il Cuore del Cilento” sabato 22 novembre 2008, alle ore 11,00 presso la Sala consiliare del Comune di Piaggine (SA) con il patrocinio del Comune di Piaggine presentano il libro GLI ITALIANI NEL MONDO di Vittorio Bruno Saluteranno il pubblico il dott. Angelo Ciniello- Sindaco di Piaggine, il prof. Antonio Vairo Dirigente Istituto Scolastico Comprensivo di Piaggine, il dott. Antonio Corbisiero- Edizioni “Il Grappolo” S.a.s. Presenta la prof.ssa Gilda Petrone- Presidente Associaz. “Il Cuore del Cilento”Prolusione del prof. Francesco D’Episcopo- Docente Università Federico II di Napoli. Conclusioni dell’autore dott. Vittorio Bruno.





20/10/2008 - A Mercato S. Severino, in occasione del Convegno "Angelo Patri,da emigrante a schoolmaster" si presenta il libro "Biondino l'emigrante".

Home
Notiziario NIP
Notiziario IBN
Sense Of Italy
seleziona un canale Moda e Tecnologia Partner strategici
2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001
 

Dove Sono?
Home
Notiziario NIP
Territorio
Angelo Patri: da emigrante a schoolmaster
 

Notiziario NIP News ITALIA PRESS agenzia stampa - N° 205 - Anno XV, 20 Ottobre 2008, 08:49:00
Territorio
 
Angelo Patri: da emigrante a schoolmaster

Un convegno del Centro Studi Pascal DAngelo il 23 ottobre

20.10.2008 08:10:49
 
Salerno - Un valoroso insegnante meridionale che fu tra i rinnovatori della scuola statunitense.

Così è stato definito Angelo Patri, grande educatore emigrato da Piaggine, nel Cilento, negli Stati Uniti, stimato dalla Montessori e da Lombardi Radice, di cui si parlerà il 23 ottobre prossimo alle 10 presso il palazzo Vanvitelliano di Mercato S. Severino nell'ambito di un convegno organizzato dal Centro Studi "Pascal D'Angelo" a cui prenderanno parte l'illustre critico letterario Goffredo Fofi, lo scrittore e docente universitario Ambrogio Ietto coordinati dal docente universitario Francesco D'Episcopo.

Porteranno i saluti ai numerosi studenti delle scuole del territorio e a un pubblico qualificato il vicesindaco del Comune di Mercato S. Severino, Giovanni Romano, il dirigente del liceo Scientifico di Roccapiemonte Basilio Fimiani e il direttore del Centro Studi Antonio Corbisiero. Saranno presenti anche docenti di Piaggine tra cui il dirigente scolastico Antonio Vairo e la responsabile dell'Associazione "Cuore del Cilento" Gilda Petrone.

In occasione del convegno sarà presentato il libro "Biondino l'emigrante" di Angelo Patri, ultimo volume della fortunata collana "Radici" delle Edizioni "Il Grappolo" di Mercato S. Severino. Scrive Goffredo Fofi nella prefazione: "Biondino l'emigrante è un libro per bambini, che evoca l'ingresso nella vita dell'autore stesso, i suoi primissimi anni di esistenza. Il piccolo Angelo, il "Biondino" del racconto, emigrò in America all'età di cinque anni, ma la memoria di questo primo segmento di vita dovette essere saldissima, e lungamente elaborata, a causa del confronto tra il favoloso mondo rurale e montanaro dell'infanzia e quello affollato e rumoroso della metropoli. E' nell'ultimo capitolo che si parla davvero di emigrazione, raccontando brevemente la grande traversata, il primo insediamento, l'integrazione nel nuovo mondo".